BENVENUTI NEL FORUM!

Autore Topic: La diversità considerata amorale...  (Letto 1473 volte)

Offline Stelladimare

  • Scopritore
  • *
  • Post: 29
La diversità considerata amorale...
« il: 7 Novembre 2007, 16:35:14 pm »
A impedire al deputato del Prc di partecipare alle nozze della cugina, un ordine del vescovo

"Un fatto gravissimo, dimostra la lontananza dei vertici dalla comunità cattolica"

 "Mi hanno vietato di fare da testimone"

ROMA - Altro che matrimoni gay. Se non sei eterosessuale alle nozze non puoi fare neppure da testimone. Questa, almeno, è la denuncia del deputato transgender del Prc, Vladimir Luxuria, che ha raccontato di aver dovuto rinunciare a fare da testimone al matrimonio della cugina, al Santuario dell'Incoronata, a Foggia, in seguito a uno specifico divieto imposto dal vescovo del capoluogo pugliese.

"E' un fatto gravissimo - accusa Luxuria - che dimostra ancora una volta la lontananza dei vertici ecclesiastici dalla comunità cattolica, sempre più aperta e tollerante". "Per quanto mi riguarda - racconta il parlamentare di Rifondazione - ho accettato la richiesta di mia cugina e del futuro marito senza opporre alcun problema riguardo alla scelta di sposarsi con rito cattolico. Sono una persona educata e rispetto i valori altrui, quindi mi sarei aspettata un atteggiamento altrettanto tollerante da parte del vescovo".

"Credo che questo divieto - attacca - non sia legittimo in quanto non mi risulta che tra i requisiti per fare il testimone non possa rientrare la mia persona. E' una faccenda che mi rattrista e non certo isolata. Molti, meno in vista di me, ogni giorno, subiscono queste umiliazioni senza poter fare nulla". "Quanto accaduto non cambierà nulla rispetto ai sentimenti che mi legano a mia cugina e al suo compagno ma spero - conclude - che possa contribuire a far calare il velo di ipocrisia che spesso circonda gli 'affari' della Chiesa".

(7 novembre 2007) La Repubblica....
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima.A.E.

Offline kant.51

  • Collaboratori
  • Capitano della Nave
  • *********
  • Post: 31604
Re: La diversità considerata amorale...
« Risposta #1 il: 8 Novembre 2007, 14:57:51 pm »
Queste sono forme di razzismo, sono sempre dolorose e insultanti per la dignità dell'uomo.
Avrei capito se fosse stato rifiutato a Luxuria un ruolo di "padrino" in un sacramento, perchè in contrasto intrinseco con i principi stessi del rito, ma questo( almeno secondo ciò che leggo) era un ruolo "civile"...mi sembra sbagliato, ingiusto questo rifiuto.
cKappa ^*°^*°^*°^*°^*°^*°^*°^*° Sì che ti voglio bene, bene davvero...

Offline Young dreamer

  • Collaboratori
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6941
    • Sogna, ragazzo, sogna
Re: La diversità considerata amorale...
« Risposta #2 il: 8 Novembre 2007, 15:34:45 pm »
 Il razzismo e il rifiuto della diversità è la cosa che odio di più!!!Non siamo nessuno per giudicare!E' stata una vera ingiustizia... :(
E dopotutto ci sono tante consolazioni! C’è l’alto cielo azzurro, limpido e sereno, in cui fluttuano sempre nuvole imperfette. E la brezza lieve […]
E, alla fine, arrivano sempre i ricordi, con le loro nostalgie e la loro speranza, e un sorriso di magia alla finestra del mondo, quello che vorremmo, bussando alla porta di quello che siamo.
(Fernando Pessoa)       Blog: http://sogna-ragazzo-sogna.blogspot.com/