BENVENUTI NEL FORUM!

Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
... scrivono poesie... / IL VENTO RACCONTA
« Ultimo post da michael santhers il 27 Dicembre 2018, 04:57:39 am »
Il vento pascola le nuvole
le folate sono i suoi cani
che le separano,le rincorrono
le macchie di sereno campi coltivati

Sui pensieri,tremano si torcono le antenne
capelli che si liberano dal pettine,
sulle pelate,immobili quelle paraboliche

La volpe annusa odore di galline
alle spalle quello dei fucili
nel dubbio si rintana
la vita è un sorteggio
e a nascondersi rinviare l'estrazione

Sabbia negli occhi
e a schiacciarla col dorso di due dita
qualche lacrima a cui si possono dare mille scuse
anche se il cuore ci legge solo addii
specie per qualche amore
che lo fece battere senza regole

Il vento, collezionista di lamenti
e vecchio despota che se li riconta la sera
e manca sempre uno che l'anima
vecchia rigattiere tiene per se stessa

Il vento ci racconta storie millenarie
in una lingua che non abbiamo mai imparato
e a dargli fiato da lontano, i nostri morti
----------------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
2
... crescono... / lungo via d'inverno
« Ultimo post da puerlongaevus il 19 Dicembre 2018, 00:48:50 am »
fiocchi all'improvviso
quell'attimo in aria
che m'hai baciato

era il tempo di sorridere
noi due correndo
lungo via d'inverno

il brivido di stringere
in coda alla cometa
una sorpresa

brillando
per vicoli e traverse a natale
solo il tuo candore
mano nella mano
fidanzati a scuola

stasera
rimangono due vecchi
sui banchi
al fermo immagine
stretti stretti
 
3
... scrivono poesie... / GHIACCIO
« Ultimo post da michael santhers il 17 Dicembre 2018, 03:46:54 am »
Il ghiaccio,raucedine
sputata dal tempo
su cui lui stesso scivola indietro

Sotto una lastra di ghiaccio
dei semi che il pettirosso
non può beccare
e prega il sole,lo sciolga
ma questo è lontano
a riscaldare le sue concubine

Il ghiaccio,argento dei poveri
che non possono spenderlo
allora si frugano le mani
e imbrogliano il cuore
a cercare un sorriso
simulando in fretta a pagarlo

A terra nel ghiaccio
si sono tanti occhi
perduti dai volti ruotati alle spalle
calpestati dai piedi
e ogni scarpa di solo andata
a cercare calore

Col tempo si scioglierà
ma a volte dentro di ognuno
rimane una capanna di ghiaccio
a custodie perenne dell'anima
ove ospite qualche sperduto pensiero
o una parola Giuda alla bocca
-----------------------------------------
Da:Soste Precarie
4
... scrivono poesie... / SIAMO
« Ultimo post da michael santhers il 11 Dicembre 2018, 05:21:39 am »
La  vita è un arco
e noi le frecce a volte avvelenate
scagliate dal destino nell'ignoto

Siamo fili d'erba
la morte ci bruca
e la prateria rimane sempre verde

Siamo granelli di sabbia nel deserto
il vento ci mischia e ci consuma
e la sola felicità al podio di una duna
che mai pace trova

Siamo parole e discorsi
evaporano in lacrime
rigagnoli di un dolore collettivo
verso il mare dell'indifferenza

Siamo miliardi di anelli di catena
fatta ruotare dal paranco orizzonte
per elevare al vaglio l'anima al cielo
e leggera e pesantissima
a seconda del presagio, del responso

Siamo talee interrate della stessa specie
sulle scie di tramando di ramo in ramo
per tanti alberi in lotta a miglior luce
e sempre impauriti da un'accetta
-----------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
5
... scrivono poesie... / PRESEPI
« Ultimo post da michael santhers il 3 Dicembre 2018, 05:07:35 am »
Il muschio riporta indietro la storia
e muore a gennaio con essa
se fortunato in un cartone le spoglie

L'asino e il bue rivalutati
non più a simboli  di ignoranti e cornuti
ma a badanti sinceri al supremo che nasce
sulla terra a rendere un pò umani i peccati

Sulla strada che porta alla grotta
ancora oggi tante facce da Erode
come bravi a fermare il percorso
dei Don Abbondio costretti al rinnego
e allora molti scelgono un albero
con tante braccia ai regali
e in cima una cometa con la coda
alla quale s'aggrappa la tradizione
anche un pò di nascosto, sostiene la fede
che a volte vacilla o finisce a terra
al salto di un gatto a un fiocco di nastro
a riempire il vuoto sul ramo

Tante luci a bruciare le nuvole
alle tempeste dell'anima
oppure a illuminare la pace
cercata a zonzo da tetri pensieri
--------------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
6
... scrivono poesie... / FRANCO BULLONE
« Ultimo post da michael santhers il 19 Novembre 2018, 04:41:20 am »
Si chiamava Franco Bullone
la povertà il suo unico vestito
la speranza la dote
e tutti lo prendevano in giro
a chiedergli se avesse una vite

Fece una croce a terra col tacco della scarpa
ci sputò sopra e partì di notte, senza salutare
destinazione l'America che aveva sentito nominare
e mentre volava si sentì una rondine
che ha distrutto il suo nido
e maledice l'ultima primavera

Fece fortuna,aprì una fabbrica
e Frank Bull il suo nuovo nome
e masticò altre consonanti
disossò alcune vocali
poi le fece fischiare a parole
e man mano tutti lo rispettarono

Un giorno su una cartina geografica
vide una lingua biforcuta a raffreddarsi nel mare
riconobbe l'italia e un occhio tradì l'altro
e fece passare una goccia argentata compressa dal cuore
poi con una matita recintò il paese natio
con impeto lo scarabocchiò,cemento al sogno
di tornare a seppellire tra i fiori i ricordi

Scrisse una lettera e la spedì a se stesso
che in realtà era quello di un tempo,
partito s'era tolto a caro prezzo il dolore
pagando oltre oceano con mutuo senza fine
....la malinconia
-------------------------------------------------
Da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
7
... scrivono poesie... / IL SENTIERO E LA CASA ABBANDONATA
« Ultimo post da michael santhers il 16 Novembre 2018, 04:49:22 am »
Vecchio sentiero
ove i passi si sono arresi
e ai lati l'erba scommette a congiungersi
porta a una casa col tetto che prega
e a ogni tegola un salto di fiati
mentre le stanze pasteggiano
il silenzio che rumoreggia miserie
e gli alberi trovano inutile la loro ombra
un tempo lieta a canti di bimbi
viziati da comare pettegole

Nel cortile il pozzo
vede in alto il secchio ossidato
impiccato a una corda,
prima scendeva e lo teneva aggiornato
di ogni parto di bocche
e a volte il pallone stanco di calci
faceva un tonfo nell'acqua
e a recuperarlo una festa d'arguzie

Il comignolo artritico indice
addita il tempo che non sarà
più raccontato nè tanto meno contato
con taglio di mano alla fronte
balcone del sole e pensilina degli occhi
-------------------------------------------
Da:Soste Precarie
8
... scrivono poesie... / STELLE A NOVEMBRE
« Ultimo post da michael santhers il 11 Novembre 2018, 05:30:19 am »
Una notte giocata dalle stagioni
le stelle,marenghi d'oro
e i mendicanti provano invano a prenderle
poi le additano a una a una
e le spendono per la pace

Quanti lumini dicono i bambini
le puntano col naso
e cercano di spegnerle
ma qualcuna cade
con un dente da latte
tra il fischio di un sorriso fessurato

Figlie clandestine del sole
con occhi senza facce
nel buio di una prateria
catturate dagli implori
riscattate dall'infinito

Esche nel mare ai pescatori
abbocca la solitudine
e una preghiera le riporta al cielo

Sono corpi celesti
dice lo scienziato
ma nessuno esclude
siano la luce dei sogni
o forse sono candele dei nostri avi
che cercano di illuminare
le nostre anime smarrite
--------------------------------------
Da:Destini E Presagi
www.santehrs.com
9
... scrivono poesie... / NOVEMBRE *
« Ultimo post da michael santhers il 10 Novembre 2018, 06:23:10 am »
Novembre ha la faccia del declino
e l'arte di una donna
che lenta incespicando
si spoglia in un bordello
-è un ubriaco che s'abbevera dei giorni
e va a letto dopo un decotto di cipressi
-è un avaro che colleziona anime
pagate con le foglie
-è un cane senza padrone
scodinzola a ogni mano
che esce dal letargo delle tasche
e al nulla abbaia minaccioso
a chi solo si scusa
-Novembre, un ponte
tra un campanile e una preghiera
per far passare addii senza voce
-è un baule pieno di malinconia
spedito al sole che sorride
oltre l'orizzonte
-----------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com
10
... scrivono poesie... / MISURA DEL TEMPO - PROSPECCHIO
« Ultimo post da michael santhers il 29 Ottobre 2018, 07:41:00 am »
L'orologio con nonchalance misura il tempo
sempre sull'attuale,senza guardare indietro
e non ti fa vedere la distanza sfiancante
a misurarlo tra partenza e arrivo indefinito
tra quello passato e quello che avanza
-è lo specchio che te lo somma in faccia
-è la prostata te lo ricorda ogni giorno
-Possiamo affermare che specchio e prostata
monito e contatore del tempo
variabili solo alle condizioni meteorologiche
e all'età del lettore

Lo strumento possiamo  chiamarlo Prospecchio
affidabile ma va in avaria quando qualcuno
non addetto  a testarlo troppo rompe i co..ngegni
------------------------------------------
Da:Poesie Cialtrone
www.santhers.com
Pagine: [1] 2 3 ... 10