BENVENUTI NEL FORUM!

Autore Topic: ancora una piccola storia...  (Letto 5623 volte)

Offline kant.51

  • Collaboratori
  • Capitano della Nave
  • *********
  • Post: 31605
ancora una piccola storia...
« il: 9 Maggio 2011, 17:22:09 pm »
RACCONTO
>
>
>Un giorno  un'insegnante chiese
>ai suoi studenti di fare una lista dei nomi
>
>degli  altri studenti nella
>stanza su dei fogli di carta, lasciando un po'  di
>
>spazio sotto ogni
>nome. Poi disse loro di pensare la cosa più bella  che
>
>potevano dire su
>ciascuno dei loro compagni di classe e  scriverla.
>
>Ci volle tutto il
>resto dell'ora per finire il lavoro, ma  all'uscita
>
>ciascuno degli
>studenti consegnò il suo foglio.
>
>Quel  sabato l'insegnante scrisse il
>nome di ognuno su un foglio separato,  e
>
>vi aggiunse la lista di tutto
>ciò che gli altri avevano detto su di  lui/lei.
>
>Il lunedì successivo
>diede ad ogni studente la propria  lista.
>
>Poco dopo, l'intera classe
>stava sorridendo. "Davvero?" sentì  sussurrare.
>
>"Non sapevo di contare
>così tanto per qualcuno!" "Non  pensavo di piacere
>
>tanto agli altri"
>erano le frasi più  pronunciate.
>
>Nessuno parlò più di quei fogli in
>classe, e la prof non  seppe se i ragazzi
>
>l'avessero discussa dopo le
>lezioni o con i  genitori, ma non aveva
>
>importanza: l'esercizio Era
>servito al suo  scopo.
>
>Gli studenti erano felici di se stessi e
>divennero sempre più  uniti.
>
>Molti anni più tardi, uno degli studenti
>venne ucciso in  Vietnam e la sua
>
>insegnante partecipò al funerale.
>
>
>Non aveva  mai visto un soldato nella bara prima di quel momento:
>sembrava
>
>così  bello e così maturo...
>
>La chiesa era riempita dai suoi
>amici. Uno ad  uno quelli che lo amavano si
>
>avvicinarono alla bara, e
>l'insegnante fu  l'ultima a salutare la salma.
>
>Mentre stava lì, uno dei
>soldati  presenti le domandò "Lei era l'insegnante
>
>di matematica  di
>Mark?".
>
>Lei annuì, dopodiché lui le disse "Mark parlava di  lei
>spessissimo"
>
>Dopo il funerale, molti degli ex compagni di classe  di
>Mark andarono insieme
>
>al rinfresco. I genitori di Mark stavano  lì,
>ovviamente in attesa di parlare
>
>con la sua  insegnante.
>
>"Vogliamo
>mostrarle una cosa", disse il padre, estraendo  un portafoglio
>
>dalla
>sua tasca. "Lo hanno trovato nella sua giacca  quando venne ucciso.
>
>
>Pensiamo che possa riconoscerlo"
>
>Aprendo  il portafoglio, estrasse con
>attenzione due pezzi di carta che  erano
>
>stati ovviamente piegati,
>aperti e ripiegati molte volte.  L'insegnante seppe
>
>ancora prima di
>guardare che quei fogli erano  quelli in cui lei aveva
>
>scritto tutti i
>complimenti che i compagni di  classe di Mark avevano scritto
>
>su di
>lui.
>
>"Grazie mille per  averlo fatto", disse la madre di Mark. "Come
>può vedere,
>
>Mark lo  conservò come un tesoro"
>
>Tutti gli ex compagni di
>classe di Mark  iniziarono ad avvicinarsi.
>
>Charli sorrise timidamente e
>disse "Io ho  ancora la mia lista. E' nel primo
>
>cassetto della mia
>scrivania a  casa".
>
>La moglie di Chuck disse che il marito le aveva
>chiesto di  metterla
>
>nell'album di nozze, e Marilyn aggiunse che la sua
>era  conservata nel suo
>
>diario.
>
>Poi Vicki, un'altra compagna, aprì  la
>sua agenda e tirò fuori la sua lista
>
>un po' consumata, mostrandola  al
>gruppo. "La porto sempre con me, penso che
>
>tutti l'abbiamo  conservata"
>
>
>In quel momento l'insegnante si sedette e pianse. Pianse  per Mark e
>per
>
>tutti i suoi amici che non l'avrebbero più  rivisto.
>
>Ci sono così
>tante persone al mondo che spesso dimentichiamo  che la vita
>
>finirà un
>giorno o l'altro. E non sappiamo quando  accadrà.
>
>Perciò dite alle
>persone che le amate e che vi importa di  loro, che sono
>
>speciali e
>importanti. Diteglielo prima che sia troppo  tardi.
cKappa ^*°^*°^*°^*°^*°^*°^*°^*° Sì che ti voglio bene, bene davvero...

Offline Roy Batty

  • Adottato dai Pirati
  • **
  • Post: 118
Re: ancora una piccola storia...
« Risposta #1 il: 9 Maggio 2011, 18:54:14 pm »
Bel racconto...ho rivisto i volti dei miei vecchi compagni di scuola passare veloci davanti a me
come lacrime nella pioggia..

Roy Batty

Offline fiormat

  • Carpentiere
  • *****
  • Post: 4089
Re: ancora una piccola storia...
« Risposta #2 il: 10 Maggio 2011, 11:21:12 am »
Mi ha commosso Kant e a dirti la verità quando provo simpatia o affetto per qualcuno o per qualcosa che ha qualcuno lo esterno... anche più di una volta, divento anche insistente, e recependo la gioia che ne scaturisce gioisco anche io naturalmente.  :-)
La desolazione è che quando tu te lo aspetti da qualcuno cui tieni :-X, anche due parole, non ne occorrono tante  :-) e ti accorgi che invece non esce mai dalla sua bocca nemmeno mezza... di parola :&, ecco, è allora che non capisci il perché di tanta freddezza di sentimento!  E' come dire: "Io ce l'ho messa tutta ma alla fine con dispiacere: come semini raccogli!"  :(
Nulla è sacrificio e stanchezza quando l'entusiasmo dimora nel cuore.

Offline shark

  • Pirata Semplice
  • ***
  • Post: 600
    • tuningpassion
Re: ancora una piccola storia...
« Risposta #3 il: 10 Maggio 2011, 18:34:24 pm »
che bella storia.. è molto commovente... davvero mi è piaciuta tantissimo. io, nel mio portafoglio, conservo due lettere molto importanti per me.. scritte da due persone a cui tengo molto. e.. mi sono riconosciuto in quello che mark si portava dietro, così come i suoi compagni di classe. e credo sia un pensiero molto bello da portarsi dietro, perchè è un pò come avere sempre appresso una parte dell affetto delle persone che ti vogliono bene. così ogni volta che aprio il mio portafoglio, penso a loro due,e al bene che mi devono aver voluto quando mi hanno scritto.
Almeno una volta nella vita ci si ritrova a dover scegliere tra due possibilità, tra due risposte.
Solitamente quella giusta è la terza...
ElliE


http://tuningpassion.altervista.org

Offline Juliet

  • Ciurma
  • Cannoniere
  • ******
  • Post: 7591
    • Poussiere de Vie
Re: ancora una piccola storia...
« Risposta #4 il: 10 Maggio 2011, 21:27:48 pm »
è una storia stupenda, Kant! ti colpisce direttamente al cuore, fa leva sui sentimenti e fa capire quanto sono importanti le parole che ogni giorno abbiamo l'opportunità di dire, opportunità che a volte non cogliamo al volo...
"L'effetto trigger" esiste,ma nessuno può dimostrarlo.Perchè nessuno è immune da esso.Tutti abbiamo rimosso dalla nostra mente una brutta esperienza.E allora come sappiamo che esiste davvero?Provate a chiedere alla vittima di una guerra,di un abuso,di una violenza e scoprirete che non sto mentendo.Perchè un viaggio nella mente umana è come un viaggio all'inferno,nel più profondo degli incubi..Anzi, peggio!

Offline Alamuna

  • Ciurma
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6712
Re: ancora una piccola storia...
« Risposta #5 il: 10 Maggio 2011, 21:31:37 pm »
Questo quesito mi si propone spesso ultimamente. Dire ai propri cari quanto li amo prima che sia troppo tardi. E' una cosa importantissima... Mi maledico per non essere capace di dire ai miei cari quanto io li ami, nonostante tutto... Sono sentimentalmente aperta solo e soltanto con il mio compagno.  :">
Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further. (T. Carlyle)

Offline kant.51

  • Collaboratori
  • Capitano della Nave
  • *********
  • Post: 31605
Re: ancora una piccola storia...
« Risposta #6 il: 11 Dicembre 2012, 20:37:40 pm »
L'ASINO E IL CONTADINO...
Un giorno l'asino di un contadino cadde in un pozzo.
Non si era fatto male, ma non poteva più uscire.
Il povero animale continuò a ragliare sonoramente per ore. Il contadino era straziato dai lamenti d
ell'asino, voleva salvarlo e cercò in tutti i modi di tirarlo fuori ma dopo inutili tentativi, si rassegnò e prese una decisione crudele.
Poiché l'asino era ormai molto vecchio e non serviva più a nulla e poiché il pozzo era ormai secco e in qualche modo bisognava chiuderlo, chiese aiuto agli altri contadini del villaggio per ricoprire di terra il pozzo.
Il povero asino imprigionato, al rumore delle palate e alle zolle di terra che gli piovevano dal cielo capì le intenzioni degli esseri umani e scoppiò in un pianto irrefrenabile. Poi, con gran sorpresa di tutti, dopo un certo numero di palate di terra, l'asino rimase quieto. Passò del tempo, nessuno aveva il coraggio di guardare nel pozzo mentre continuavano a gettare la terra.
Finalmente il contadino guardò nel pozzo e rimase sorpreso per quello che vide...
L'asino si scrollava dalla groppa ogni palata di terra che gli buttavano addosso, e ci saliva sopra. Man mano che i contadini gettavano le zolle di terra, saliva sempre di più e si avvicinava al bordo del pozzo. Zolla dopo zolla, gradino dopo gradino l'asino riuscì ad uscire dal pozzo con un balzo e cominciò a trottare felice.

MORALE:
Quando la vita ci affonda in pozzi neri e profondi, il segreto per uscire più forti dal pozzo é scuoterci la terra di dosso e fare un passo verso l'alto. Ognuno dei nostri problemi si trasformerà in un gradino che ci condurrà verso l’uscita. Anche nei momenti più duri e tristi possiamo risollevarci lasciando alle nostre spalle i problemi più grandi, anche se nessuno ci dà una mano per aiutarci.

 :-)
cKappa ^*°^*°^*°^*°^*°^*°^*°^*° Sì che ti voglio bene, bene davvero...