BENVENUTI NEL FORUM!

Autore Topic: Diario... di viaggio  (Letto 71063 volte)

Offline Alamuna

  • Ciurma
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6701
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #165 il: 5 Dicembre 2010, 10:28:34 am »
Aver letto tutte le mie email del passato è stato come procedere lentamente lungo il mio percorso di vita. Ho incontrato volti, voci. Ma una voce in particolare è risuonata più forte (sarà stato perchè il 95% delle email erano nostre e per forza di cose mi sono concentrata su di noi): quella di una mia amica. Non un'amica qualsiasi: L'AMICA. Una di quelle amiche che, per non esagerare, potresti identificare come "rara". Un'amicizia di quelle che non biasimano, che non dicono, che non pretendono. Una di quelle amicizie che, qualsiasi cosa accada, è lì davvero e sempre.

La vita ci aveva un pò divise, solo un poco. Strade diverse, ma non per questo eravamo assenti l'una dalla vita dell'altra. Solo un pò frastornate dalla quotidinatà, dai cambiamenti. Poi uno strano meccanismo interiore ti convince, talvolta, che non ti puoi aspettare più dall'altro quello che ti sei sempre aspettato nel corso degli anni. Aggiungiamoci un pezzettino del proprio carattere, ed il gioco è fatto.
Con il tempo ci siamo un pò separate, non ci siamo sentite per circa un anno, fino all'altro giorno, quando per una strana, bizzarra coincidenza, lei mi scrive. Mi scrive lei, proprio il giorno dopo che io avevo letto tutte le nostre email. Ha avuto un anno per farsi sentire, invece no: si fa sentire proprio il giorno dopo il mio pomeriggio trascorso a ripercorrere il nostro passato attraverso le email. Un pò bizzarra, direi, come coincidenza, ma piacevolissima.
La negligenza ci ha portate a lasciare la nostra amicizia in balìa del vento che l'ha rapita, a lasciarla volare lontano dalle nostre vite, quando sarebbe bastata un pò di volontà in più per bloccarla tra le nostre mani, più forti del vento.
Non so se il vento, a volte, torna che è lo stesso di prima, ma se mi riportasse un pezzettino di quel che mi ha rubato, lo ringrazierei.
Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further. (T. Carlyle)

Offline Alamuna

  • Ciurma
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6701
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #166 il: 8 Dicembre 2010, 00:22:08 am »
Non ho un carattere proprio facile, a volte.
Ci sono dei momenti in cui so diventare molto diversa da quella che sono di solito, quotidianamente.
Ci sono delle cose in cui voglio migliorare da sempre. E quando credo di esserci riuscita anche un poco, ecco che puntualmente rispuntano fuori.  >:o
Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further. (T. Carlyle)

Offline Dolly Scar

  • Filibustiere in erba
  • ***
  • Post: 465
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #167 il: 9 Dicembre 2010, 00:53:17 am »
non so cosa fare..... lui mi piace, penso continuamente a lui,quando mi parla mi bacia mi sorride mi prende in giro io sento un brivido.....
eppure c'è qualcosa che mi blocca ma cosa?????
uffa mi sento come una bambina che ha il suo giocattolo preferito in mano ma non sa come giocarci......
la mia ragione il mio perchè non avrei mai pensato di doverla ringraziare. di dover ringraziare la mia cicatrice impressa sul mio petto. quanto l'ho odiata da bambina perchè mi faceva sentire diversa e invece adesso la amo proprio per lo stesso motivo.

Offline Juliet

  • Ciurma
  • Cannoniere
  • ******
  • Post: 7591
    • Poussiere de Vie
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #168 il: 9 Dicembre 2010, 10:31:41 am »
beh, se è il primo amore, Scar...è normale sentirsi così...forse perchè si ha solo paura di poter soffrire, o forse perchè semplicemente è una cosa nuova, che non si era mai provata prima e si ha paura di fare o dire qualcosa di sbagliato...lasciarsi andare, sciogliersi, non è mai semplice; ma con il tempo ci si riesce, man mano che il sentimento entra a far parte pienamente di noi, man mano che ci si rende conto che l'altra persona prova davvero lo stesso e si capisce che non c'è nulla, ma proprio nulla da temere nell'amore...  :-)
"L'effetto trigger" esiste,ma nessuno può dimostrarlo.Perchè nessuno è immune da esso.Tutti abbiamo rimosso dalla nostra mente una brutta esperienza.E allora come sappiamo che esiste davvero?Provate a chiedere alla vittima di una guerra,di un abuso,di una violenza e scoprirete che non sto mentendo.Perchè un viaggio nella mente umana è come un viaggio all'inferno,nel più profondo degli incubi..Anzi, peggio!

Offline Dolly Scar

  • Filibustiere in erba
  • ***
  • Post: 465
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #169 il: 9 Dicembre 2010, 14:27:17 pm »
nulla da temere........
devo solo esserne sicura.....
la mia ragione il mio perchè non avrei mai pensato di doverla ringraziare. di dover ringraziare la mia cicatrice impressa sul mio petto. quanto l'ho odiata da bambina perchè mi faceva sentire diversa e invece adesso la amo proprio per lo stesso motivo.

Offline martola

  • Ciurma
  • Cuoco
  • ****
  • Post: 1797
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #170 il: 12 Dicembre 2010, 00:50:45 am »
Un sorriso e una lacrima di felicità. What else? Non credo avrei potuto sperare di meglio. Ora spero sia l'inizio di un po' di sereno.  :-)






...ti Amo...<3
"Il problema non è quanto aspetti, ma chi aspetti"
(Fabio Volo, "Il Giorno In Più")

Offline fiormat

  • Carpentiere
  • *****
  • Post: 4088
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #171 il: 16 Dicembre 2010, 22:59:41 pm »
Comincia a farsi duro il percorso che ho intrapreso circa due mesi fa, con orgoglio e fierezza e che ho voluto con decisione accaparrarmi per il bene della famiglia. Non è l'impegno materiale che mi crea disagio, di questo ne ero sicura, mi reputavo in grado di riuscire a superare ogni forma di fatica ma quando ti accorgi che molte delle buone intenzioni che avevi in animo vanno a farsi benedire perché mal recepite, beh ve lo confesso mi sento amareggiata e un po' delusa anche se non mi pento di questa scelta. Per ora si va ancora avanti...
Nulla è sacrificio e stanchezza quando l'entusiasmo dimora nel cuore.

Offline Alamuna

  • Ciurma
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6701
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #172 il: 28 Dicembre 2010, 20:16:54 pm »
Questo momento della mia vita si concentra molto sulla questione università! E' logico: ho gli esami imminenti!
Mi rimane il mese di Gennaio per studiare.
In teoria, vorrei studiare per tre esami. Ma data l'entità di ciascun esame, forse a prepararne tre in un solo mese (ho già studiato nei mesi scorsi, si, però con il lavoro non ho potuto dare il meglio di me, e quindi comunque mi mancano ancora un bel pò di capitoli!) impazzirei!
Comunque due sono certi... e ci sto studiando con passione ed immenso interesse!  :-) Per il terzo, vedrò se riuscirò ad infilarlo in qualche buco! :-D
Speriamo bene, dosantos!  :s
Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further. (T. Carlyle)

Offline Juliet

  • Ciurma
  • Cannoniere
  • ******
  • Post: 7591
    • Poussiere de Vie
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #173 il: 1 Gennaio 2011, 11:50:26 am »
Ieri è stata veramente una delle più belle giornate che abbia mai trascorso! Devo dire che se non fossi una persona così “timorosa”, la carriera musicale sarebbe proprio quella perfetta per me!  :-d Non pensavo che mi sarei divertita così tanto; credevo piuttosto che l’agitazione avrebbe preso il sopravvento e invece no! Tutt’attorno esistevano solo i miei amici, le loro, anzi le nostre, voci, i nostri strumenti e quella sensazione di profonda pace che provo sempre quando suono. Ci sono stati momenti di dispersione totale, buffi se vogliamo dire, in cui non ricordavamo più che canzone dovevamo suonare o in cui inserivamo pezzi completamente inventati e improvvisati perché di punto in bianco la cantante non ricordava più le parole!  :-d Abbiamo suonato tutto il giorno per le prove e da poco dopo l’apertura del locale fino alle 23.30, ovvero quasi tre ore e mezza senza mai smettere… Non serve dire che siamo stati tra i pochi a non partecipare ai festeggiamenti: abbiamo smontato tutto e ce ne siamo tornati a casa subito. Dire che eravamo distrutti è dir poco, ma per lo meno eravamo soddisfatti. Anche perché in teoria avremmo dovuto suonare per poco più di due ore e invece alla fine siamo stati lì di più, inserendo canzoni che non erano in programma di essere suonate e su cui non avevamo avuto il tempo di esercitarci, ma è andata bene comunque. E il proprietario del locale ha detto che ci richiamerà. Abbiamo azzeccato anche le canzoni da suonare. Come previsto c’era un pubblico vario: gruppi di ragazzi e famiglie, bambini  e coppie. Insomma, abbiamo fatto bene ad includere canzoni di ogni tipo. Sono davvero soddisfatta. Devo dire che è stato il miglior 31 dicembre che abbia mai passato! Sono davvero felice.  :-)
"L'effetto trigger" esiste,ma nessuno può dimostrarlo.Perchè nessuno è immune da esso.Tutti abbiamo rimosso dalla nostra mente una brutta esperienza.E allora come sappiamo che esiste davvero?Provate a chiedere alla vittima di una guerra,di un abuso,di una violenza e scoprirete che non sto mentendo.Perchè un viaggio nella mente umana è come un viaggio all'inferno,nel più profondo degli incubi..Anzi, peggio!

Offline Young dreamer

  • Collaboratori
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6941
    • Sogna, ragazzo, sogna
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #174 il: 2 Gennaio 2011, 20:14:33 pm »
2010.
Ho preso la patente.
Ho compiuto 19 anni.
Ho nuotato nel vuoto più cupo per la scelta universitaria.
Ho parlato con una psicologa dell'orientamento.
E' morto lo zio di un'Amica.
Sono andata fino a Bari per vedere Patch.
Sono stata a Praga.
Ho sognato,sognato forte,fortissimamente,costruito e sgretolato,e poi ricreato.
Ho fatto gli esami di maturità.
Ho scelto medicina.
Ho scelto Firenze.
Ho abbracciato in silenzio,con l'anima in gola.
Ho tessuto discorsi e scene d'addio che non ho mai pronunciato,perchè non servivano.Perchè la vita non si arresta.
Sono stata in ansia per chi amo.
Mi sono persa,come sempre,e mi sono cercata.
Ho riso come una pazza,sono stata FELICE da far girare la testa.
Ho sacrificato l'estate dalla mattina alla sera ai test di medicina.
I risultati del test che non arrivavano.
Io che supero davvero i test di medicina.
Ho cambiato domicilio,ho iniziato a vivere a Firenze.
Sono stata inondata da una marea di nuovi volti.E nomi,tanti,troppi nomi.
Ho fatto amicizia con il Careggi.
Ho imparato a prendere le mie gambe in spalla e andare,se necessario.
Ho stretto amicizia con alcuni pazienti del reparto.
Ho indossato il mio primo camice,scoprendo che non mi piace guardarmi allo specchio nemmeno così,anzi.
Ho passeggiato da sola.
Ho pianto per nostalgia.
Ho condiviso.
Ho chiesto aiuto.
Ho ringraziato-e ringrazio-Dio per le cose che restano e che resteranno.
E la mia preghiera,cambia l'anno,ma resta sempre la stessa.
2011...
« Ultima modifica: 2 Gennaio 2011, 20:18:33 pm da Young dreamer »
E dopotutto ci sono tante consolazioni! C’è l’alto cielo azzurro, limpido e sereno, in cui fluttuano sempre nuvole imperfette. E la brezza lieve […]
E, alla fine, arrivano sempre i ricordi, con le loro nostalgie e la loro speranza, e un sorriso di magia alla finestra del mondo, quello che vorremmo, bussando alla porta di quello che siamo.
(Fernando Pessoa)       Blog: http://sogna-ragazzo-sogna.blogspot.com/

Offline Dolly Scar

  • Filibustiere in erba
  • ***
  • Post: 465
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #175 il: 3 Gennaio 2011, 03:52:53 am »
wow young mi hai fatto piangere e se non ti dispiace ti rubo l'idea....
2010
mi sono ubriacata per la prima volta
mi sono tagliata i capelli  >_<
la neve a Roma
ho faticato
ho litigato con le compagne di classe
mi è crollato il mondo addosso
la notte prima degli esami
la maturità
la notte dopo la maturità (ho bruciato i libri)
mia sorella si è trasferita  :&#39;(
ho incontrato un'amica speciale
ho pianto e sofferto
mi sono accorta di chi è realmente importante per me
l'università, il test e la delusione
il mio cuore  W00T!
e infine ho incontrato lui  :-X  :-X  :-X
la mia ragione il mio perchè non avrei mai pensato di doverla ringraziare. di dover ringraziare la mia cicatrice impressa sul mio petto. quanto l'ho odiata da bambina perchè mi faceva sentire diversa e invece adesso la amo proprio per lo stesso motivo.

Offline Alamuna

  • Ciurma
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6701
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #176 il: 4 Gennaio 2011, 19:30:07 pm »
 :-)

2010
Nei primi mesi, periodo piatto e confuso.
La ricerca disperata della vita, della risposta, della Verità.
La frequentazione assidua del Forum.
Ho cambiato casa.
Ho trovato un'amica speciale nella nuova casa.
Troppe coincidenze nelle nostre vite; la vedevo come la mia anima gemella.
Insieme abbiamo intrapreso un percorso di vita, senza sapere, in verità, quanto l'una stesse dando all'altra.
Parole non dette, segreti nascosti, dolori non raccontati.
Mi sono iscritta in palestra, frequentandola costantemente fino all'inizio della stagione estiva, per poi non riprenderla più a settembre.
Ho conosciuto una persona speciale. Ci siamo messi insieme.  <3
Gli ho preparato una splendida sopresa per il giorno del suo compleanno.
La mia amica speciale conosciuta nella nuova casa si è trasferita in un altro appartamento per vivere con il suo ragazzo.
Ho pianto perché mia nipote ha pronunciato per la prima volta il mio nome.
Ho abbandonato la specialistica in lingue.
Mi sono iscritta alla facoltà di psicologia.
Ho inviato CV in giro per un nuovo lavoro, senza esito positivo.
In tutto questo, la poesia e la scrittura non mi hanno mai abbandonata.
Ho messo a punto la mia prima raccolta poetica dal titolo "Rifugi".
Ho risentito un'amica che non sentivo dallo scorso anno.
In occasione del Natale, ho fatto visita ad un'altra amica in dolce attesa.
Ho trascorso il capodanno con il mio Amore.
Un anno così, un anno collì.
Come possono cambiare le cose, in un anno.




« Ultima modifica: 4 Gennaio 2011, 20:15:21 pm da Alamuna »
Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further. (T. Carlyle)

Offline Juliet

  • Ciurma
  • Cannoniere
  • ******
  • Post: 7591
    • Poussiere de Vie
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #177 il: 4 Gennaio 2011, 19:39:22 pm »
Beh, a questo punto mi butto anche io: ecco il mio 2010

Ho trovato lavoro.
Ho perso il lavoro.
Ho sperimentato nuovi modi per fare volontariato.
Ho assistito mia mamma dentro e fuori dall'ospedale.
Ho fatto nuove e preziose e amicizie.
Ho preso la patente.
Ho iniziato a fare lavoretti che sicuramente non mi fanno guadagnare ma mi rendono felice.
Sono stata a tre concerti (Muse, Allevi, Tarja)
Ho lasciato il mio ragazzo.
Ho rimuginato su questo a lungo e lo faccio tutt'ora.
Un amico a smesso di parlarmi per questa mia decisione.
Ho perso di vista vari amici.
Ho iniziato a lavorare per mio fratello un paio di giorni alla settimana.
Ho trovato un lavoro nuovo, anche se con un contratto a chiamata
Ho iniziato a suonare in un gruppo..
Ho fatto due live con questo gruppo, il più bello dei quali a Capodanno.
"L'effetto trigger" esiste,ma nessuno può dimostrarlo.Perchè nessuno è immune da esso.Tutti abbiamo rimosso dalla nostra mente una brutta esperienza.E allora come sappiamo che esiste davvero?Provate a chiedere alla vittima di una guerra,di un abuso,di una violenza e scoprirete che non sto mentendo.Perchè un viaggio nella mente umana è come un viaggio all'inferno,nel più profondo degli incubi..Anzi, peggio!

Offline Alamuna

  • Ciurma
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6701
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #178 il: 8 Gennaio 2011, 13:18:18 pm »
Come sono lunghe e complicate le storie delle nostre vite. Sono lunghe anni, non giorni, neppure mesi, ma anni. E spesso sono matasse difficili da sbrogliare. Intrichi complicati creatisi nel tempo, nel lungo tempo che ci separa da quel momento remoto in cui tutto è iniziato e che puntualmente non possiamo ricordare. Quando sarà iniziato tutto, come, perché? Non sappiamo più ricordarlo.
Oggi promuovo la forza di volontà, quella che a volte manca per salvare una vita o forse renderla migliore. Non promuovo la volontà per tornare indietro sui propri passi e capire dove tutto sia iniziato (sarebbe percorso arduo, sebbene utile), ma promuovo la volontà di crearsi un nuovo "punto", presente stavolta, da cui partire. Anzi, ripartire. Un vero punto di ri-partenza. Promuovo i punti di ri-partenza.
Il mio punto di ri-partenza, oggi, non voglio che sia diretto verso un punto di arrivo cieco, che finisce con me e non ha sviluppi se non nella mia vita.
E ci vuole una grande, enorme forza di volontà, per ripartire, più di quando si deve semplicemente partire.

« Ultima modifica: 8 Gennaio 2011, 19:08:49 pm da Alamuna »
Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further. (T. Carlyle)

Offline Alamuna

  • Ciurma
  • Medico di Bordo
  • ******
  • Post: 6701
Re: Diario... di viaggio
« Risposta #179 il: 12 Gennaio 2011, 11:58:32 am »
L'agonia è una gran brutta bestia. Quando avviene, si spera perfino nella morte, come liberazione. Non so se ci sono dei "modi migliori per morire", ma soffrire così per arrivare a quello stesso punto fa pensare che forse qualcosa di meglio ci sia, anche nel caso della morte. C'è chi muore dormendo, c'è chi muore soffrendo, fino all'ultimo istante. Questa è pura agonia.
Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further. (T. Carlyle)